Marocco: le località che risveglieranno il tuo desiderio di avventura (parte 1)

Di tutti i luoghi che ho visitato nel corso della mia vita, il Marocco ha sempre rappresentato una costante, un posto in cui, volente o nolente, faccio ritorno ogni singolo anno in compagnia della mia famiglia. Ora, essere originaria del Marocco potrebbe compromettere la mia oggettività, soprattutto per quanto riguarda le aree del paese che vi potrei consigliare in questo articolo, ma l’affetto che provo nei confronti di questo paese non mi impedirà di effettuare le giuste critiche quando necessario. Queste sono le località marocchine che hanno risvegliato la mia sete di avventura.

TAGHAZOUT

Conosciuta principalmente per le sue spiagge dorate e le onde alte, Taghazout è la località marittima perfetta per gli amanti degli sport acquatici. Qui potrete trovare numerose scuole dedicate ad attività all’aria aperta come surf, yoga, kite surf, jet ski per citarne alcune, oltre ad avere la possibilità di visitare le numerose spiagge e i villaggi circostanti a cavallo o sul dorso di un cammello. Se avete la possibilità di spostarvi pure oltre i piccoli villaggi, verso la tangenziale che collega la località costiera alla città principale della regione, Agadir, un piccolo skate park in cima alla collina vi offrirà la vista più bella sulla riviera, il luogo ideale per effettuare scatti panoramici e, perché no, mettere in pratica le vostre abilità in skate e bmx. L’unica pecca di Taghazout è che si trova a 20 minuti in auto dalla città di Agadir, e i servizi di trasporto pubblico non sono sempre disponibili, quindi organizzatevi di conseguenza per non rischiare di restare bloccati in mezzo al nulla – il Marocco non è il luogo più sicuro una volta calato il sole.

IMOUZZER

Situata a meno di 100km da Agadir e Taghazout, Imouzzer è tra le località più “googlate” quando si parla di luoghi legati al Marocco. Questa piscina naturale è conosciuta soprattutto come “Paradise Valley” (la nemesi naturale del Devil’s Pulpit, situato a poche decine di miglia da Glasgow, Scozia), e raggiunge il suo massimo splendore intorno al mese di marzo, quando le nevi si sciolgono dando vita alle spettacolari cascate limpide. È possibile tuffarsi dalle rocce o rilassarsi nell’acqua fresca dopo la lunga camminata che porta alla sorgente, e ad oggi è possibile anche gustarsi alcuni piatti locali nei nuovi ristoranti dedicati ai turisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *