LE PIÙ BELLE DESTINAZIONI DEL MAROCCO MERIDIONALE

Cime innevate, spiagge dorate, dune e oasi naturali… in nord Africa? Per chi non ha una profonda conoscenza di questo paese, le perle nascoste tra le catene montuose e le dune sabbiose del Marocco sono uno spettacolo di natura e tradizione, di una bellezza tale da fare concorrenza al vicino Egitto, oltre che a numerose destinazioni turistiche sparse per il Medio Oriente e il sud-ovest europeo. Smartbox offre alcune delle migliori opportunità di viaggio per tutti i tipi di turisti, dagli amanti del relax agli avventurieri. Clicca qui per trovare il pacchetto Smartbox che fa al caso tuo: https://www.smartbox.com/

Tra tutti i luoghi che ho visitato nel corso della mia vita, questo ha sempre rappresentato una costante, un posto in cui, volente o nolente, faccio ritorno ogni singolo anno in compagnia della mia famiglia. Ora, essere originaria del Marocco potrebbe compromettere la mia oggettività, soprattutto per quanto riguarda le aree del paese che vi potrei consigliare in questo articolo, ma l’affetto che provo nei confronti di questo paese non mi impedirà di effettuare le giuste critiche quando necessario.

TAGHAZOUT

Conosciuta principalmente per le sue spiagge dorate e le onde alte, Taghazout è la località marittima perfetta per gli amanti degli sport acquatici. Qui potrete trovare numerose scuole dedicate ad attività all’aria aperta come surf, yoga, kite surf, e jet ski, per citarne alcune, oltre ad avere la possibilità di visitare le numerose spiagge e i villaggi circostanti a cavallo o sul dorso di un cammello. Se avete la possibilità di spostarvi pure oltre i piccoli villaggi, verso la tangenziale che collega la località costiera alla città principale della regione, Agadir, un piccolo skate park in cima alla collina vi offrirà la vista più bella sulla riviera, il luogo ideale per effettuare scatti panoramici e, perché no, mettere in pratica le vostre abilità in skate e bmx. L’unica pecca di Taghazout è che si trova a 20 minuti in auto dalla città di Agadir, e i servizi di trasporto pubblico non sono sempre disponibili, quindi organizzatevi di conseguenza per non rischiare di restare bloccati in mezzo al nulla – il Marocco non è il luogo più sicuro al mondo una volta calato il sole.

IMOUZZER

Situata a meno di 100km da Agadir e Taghazout, Imouzzer è tra le località più “googlate” quando si parla di luoghi legati al Marocco. Questa piscina naturale è conosciuta soprattutto come “Paradise Valley” (la nemesi naturale del Devil’s Pulpit, situato a poche decine di miglia da Glasgow, Scozia), e raggiunge il suo massimo splendore intorno al mese di marzo, quando le nevi si sciolgono dando vita alle spettacolari cascate limpide. È possibile tuffarsi dalle rocce o rilassarsi nell’acqua fresca dopo la lunga camminata che porta alla sorgente, e ad oggi è possibile anche gustarsi alcuni piatti locali nei nuovi ristoranti dedicati ai turisti. Dalla Paradise Valley è possibile percorrere un ulteriore distanza di 20km per raggiungere un piccolo centro commerciale rustico gestita dalla tribù di Ida Outanane, ed è l’ideale per avere un assaggio della vita rurale marocchina. L’intera area è perfetta per gli escursionisti e gli amanti delle lunghe camminate, ed è possibile passare la notte all’Hotel des Cascades, che offre una spettacolare vista sul fiume e sulle cascate. Il villaggio di Immouzer offre un souk settimanale, aperto il giovedì fino a tarda notte. La specialità locale è il miele, prodotto da api che si nutrono di timo selvatico, lavanda e altre erbe di montagna.

GUELMIM

Situata nel bel mezzo delle colline sabbiose, Guelmim è una città poco conosciuta e accessibile solo tramite trasporto privato. Conosciuta anche come la Porta del Sahara, negli ultimi vent’anni la città ha subito una trasformazione tanto veloce quanto sorprendente, passando da un piccolo villaggio senza strade a un luogo completamente dedicato ai turisti. Tra le tante novità legate al luogo, un nuovo aeroporto è in costruzione, rendendo dunque molto più facile l’accesso all’area meridionale del paese. A differenza di altre zone del Marocco, Guelmim offre un’esperienza molto più naturale che rustica, permettendo ai visitatori di immergersi nei paesaggi tipicamente africani, tra aree deserte e oasi naturali.

 

LUOGHI DA VISITARE IN SCOZIA IN MENO DI 24 ORE (Parte 2)

La Scozia offre alcuni dei più bei luoghi naturali per quanto riguarda i paesaggi e gli edifici, e 24 ore non sono sufficienti per esplorarle tutte. Se, tuttavia, vi ritrovate con una giornata vuota e decidete di dedicarvi all’avventura, queste sono alcune delle destinazioni a breve distanza dalla città di Glasgow che necessitano meno di 24 ore (l’una) per visitarle.

Alloway

Questo piccolo villaggio pittoresco e intrigante si trova a breve distanza da Glasgow, nella regione conosciuta come Ayrshire. Conosciuta soprattutto come il luogo di nascita del celebre poeta scozzese Robert Burns, questa località offre musei e luoghi naturali capaci di ispirare chiunque, anche le persone più scettiche nei confronti dell’arte. Qui è possibile visitare il museo dedicato all’autore scozzese, oltre ad avere accesso ai manoscritti e alle lettere scritte da Burns. È inoltre possibile visitare il cottage in cui l’autore è cresciuto, il Burns Monument e i Memorial Gardens. Approfittatene per visitare il ponte di Brig o’Doon, da cui il cavaliere è fuggito nel famoso poema Tam’O’Shanter. Perché non visitare il luogo sulle note di Auld Lang Syne, giusto per restare in tema Burns?

Isola di Arran

A distanza di poco meno di un’ora di traghetto dalla città di Ayr, l’isola di Arran è uno dei luoghi più conosciuti sulla costa orientale della Scozia. È possibile ammirare l’isola già dalla spiaggia di Ayr, quando la nebbia tipica del villaggio scozzese non nasconde Arran dagli sguardi curiosi. L’isola di Arran offre avventure di ogni tipo, da hike di livello base a camminate della durata di più giorni. Quest’isola è un mix di pianura, spiaggia, montagne e colline, e molti la definiscono come una “piccola Scozia” dal momento che racchiude tutti i paesaggi che si possono trovare nell’intero paese in pochi chilometri di isola. Dai popoli di lingua goidelica ai cerchi di pietra di Machrie Moor, ad ogni passo viene svelata la lunga storia dell’isola. Costruito nel 1510, il castello di Brodick merita di essere visitato, così come il Brodick Country Park. Il Castello di Brodick ha da poco subito una ristrutturazione, dunque è possibile visitarlo assieme ai giardini e il parco nazionale, che contengono una nuova area giochi per i bambini.

 

 

 

LUOGHI DA VISITARE IN SCOZIA IN MENO DI 24 ORE (Parte 1)

Che si tratti di viaggi programmati o decisioni spontanee di visitare i più remoti meandri del nostro pianeta, le gite di un giorno sono il miglior tipo di uscita per gli amanti delle avventure last minute. Questo articolo si incentrerà soprattutto sulle località a distanza d’auto da Glasgow, in Scozia, una città conosciuta per la sua assoluta bellezza e varietà culturale, oltre che alla sua strategica posizione. Continua a leggere per scoprire le più belle località da visitare in Scozia.

Loch Lomond

Loch Lomond e il parco dei Trossachs sono due dei luoghi da visitare assolutamente, se ci si trova in zona. Questo spettacolare lago si trova nel bel mezzo del parco nazionale dei Trossachs ed è considerato da molti come il confine tra le Highlands scozzesi e la pianura. Questo è il luogo perfetto in cui passare una giornata sulle cime, da cui è possibile godere delle viste più belle della zona, o in cui avere un picnic in riva al lago con la propria famiglia. È, inoltre, possibile visitare le piccole isole sparse per il lago e per le quali è necessario prendere uno dei tanti traghetti economici gestite da una compagnia locale.

Isola di Bute

Forse uno dei luoghi più sottovalutati della Scozia, l’isola di Bute merita una standing ovation per il solo fatto di essere una destinazione ricca di cultura e aria pulita. Questo piccolo santuario sotto forma di isola può essere raggiunto attraverso un traghetto, che rende ancora più piacevole il tragitto dal momento che la zona è popolata da foche ed altri animali marini. I monumenti e i luoghi da visitare assolutamente includono la Mount Stuart House, una delle più impressionanti ville neogotiche, Ascog Hall Fernery e i giardini che la circondano, che vanta una felce che la popolazione crede abbia più di 1.000 anni, e un negozio strano ma affascinante dedicato alle alghe. Gli amanti del buon cibo possono fermarsi da Liz’s e assaggiare il fish and chips del The West End Café. Ricordatevi di fare un salto da Musicker, il pub che fa da café, libreria e open mic per gli amanti della musica e dell’arte.